Silvia Bianco, ‘Alimentazione Veg nel rispetto della vita’

Silvia Bianco, 'Alimentazione Veg nel rispetto della vita'

Silvia Bianco, ‘Alimentazione Veg nel rispetto della vita’

Attrice, chef, blogger, redattrice, consulente veg, protagonista di corsi di cucina e cooking show. 

Abbiamo il piacere di ospitare sul nostro portale www.cruditaly.it Silvia Bianco. Oltre al portale che riprende il suo nome, è possibile visitare il canale youtube, i social network facebook, twitter ed instagram. Inoltre insieme a Chicco Coria ha ideato “Fast Veg Menu” il cooking tutorial vegano più veloce del web. Tra le varie attività, la collaborazione con “La Madia Travel Food”, rivista di alta ristorazione, con oltre trenta anni di storia, condotta da un team di donne italiane. Andiamo a conoscere Silvia… e buona lettura!

Ciao Silvia. Come ti sei avvicinata all’alimentazione vegana e quali i passaggi fondamentali di questo percorso?

“Tutto è nato circa otto anni fa. Avevo un’amica vegetariana che mi raccontò di aver deciso di non nutrirsi più di carne. Mi incuriosii di questa sua scelta ed iniziai ad informarmi e leggere molto, per capirne le motivazioni e cosa implicasse questo percorso. Mi si aprì un mondo che onestamente non immaginavo. Innanzitutto le barbarie e le crudeltà inflitte agli animali, per il piacere della gola.

Inoltre il totale disinteresse della società nell’avere un atteggiamento rispettoso, ecologico ed ecosostenibile nei confronti dell’ambiente. Queste sono state le principali motivazioni che mi hanno condotta alla scelta vegana. Quasi da subito, dopo i primi due mesi, mi ha portato a tenere un’alimentazione quanto più crudista possibile. Da quel momento, non ho mai fatto un passo indietro. È stata una delle scelte migliori che potessi fare nel rispetto della Vita. Di cui porto e porterò sempre il messaggio ovunque io sia. Mai mi stancherà”.

La scelta dell’alimentazione vegana come si sposa con la tua attività professionale?

“In realtà ci sono diverse attrici vegan, specialmente negli Stati Uniti. Non ho mai trovato ostacoli, anzi ho sempre incontrato persone curiose della mia scelta, di come la gestisco nella vita di tutti i giorni e quando viaggio. Tant’è che spesso sui set dei film, dove viene allestito un buffet disponibile lungo tutto l’arco della giornata. Preparavano una parte esclusivamente vegan a cui tutti potevano attingere. Io ho sempre chiesto frutta a volontà, perché è quella che ti dà energia senza appesantire e aiuta a rimanere concentrati.”

Quali sono i tuoi segreti di bellezza veg? Puoi svelarceli?

“La mia “routine” di bellezza in realtà è molto essenziale perché, credo, sia importante partire da gesti semplici ed accessibili sempre, affinché facciano parte della nostra quotidianità, ovunque ci si trovi. Appena sveglia, pratico l’oilpulling con olio di cocco, un’antica pratica ayurvedica che mira all’eliminazione di tossine, batteri e metalli pesanti accumulati durante la notte, prevenendo alito cattivo e malattie dovute alla prolificazione di batteri nocivi nel nostro corpo. Più in generale rafforza gengive e denti, rendendo quest’ultimi più bianchi. Dopodiché bevo un paio di bicchieroni di acqua a temperatura ambiente, con succo di limone biologico spremuto.

Aggiungo un cucchiaino di magnesio, utilissimo tutto l’anno ed in particolar modo durante il periodo estivo, durante il quale, per via del caldo, si perdono molti sali minerali.

Dopo questa mia pratica di risveglio vado in palestra ogni giorno, unendo anche la corsa nei parchi vicini. L’attività sportiva, qualunque essa sia, è un toccasana per corpo e mente. Se non si ha molto tempo a disposizione, oppure non si hanno palestre vicino casa, si possono fare tantissimi esercizi a casa anche con pochissimi attrezzi a disposizione.

Quali sono i tuoi segreti di bellezza veg? Puoi svelarceli?

Sono una grande fan dell’olio di cocco, acquisto sempre quello spremuto a freddo e biologico e proveniente dal mercato equo e solidale. È un prodotto versatilissimo e prezioso, sia in cucina che per la cura del nostro corpo. Ottimo da utilizzare nella nostra alimentazione, perché contiene acidi grassi a media catena, che sono più assimilabili e quindi più facilmente utilizzabili come fonte energetica dal nostro corpo.

Tiene inoltre benissimo le alte temperature, per questo motivo lo prediligo quando preparo dolci al forno come il mio banana breadgluten free. L’olio di cocco, così come il burro di cocco, è ottimo per la preparazione dei dolci crudisti essendo molto versatile.

Silvia Bianco, ‘Alimentazione Veg nel rispetto della vita’

Conferisce gusto, dolcezza e consistenza unici, adattandosi a ciò che vogliamo ottenere. Per quanto riguarda la cura del corpo, lo uso molto per fare dei dolci scrub, unendolo a dello zucchero mascobado a grana fine, massaggio con un movimento vigoroso ma non troppo, ed in senso circolare dal basso verso l’alto, in modo tale da stimolare la circolazione.

La pelle del corpo deve essere lievemente inumidita. Questo facilita il massaggio e non risulta troppo aggressivo. Dopo il risciacquo si sente la pelle splendidamente liscia e vellutata. Stessa cosa vale anche per il viso, eseguo un massaggio dolce e non troppo vigoroso, visto che la pelle qui è molto più delicata, aiuta a pulire la pelle da impurità. La prepara ai trattamenti e la rende vellutata.

Infine per i miei lunghi capelli, eseguo degli impacchi di olio di cocco sulle lunghezze inumidite, lascio in posa un minimo di 30 minuti, o anche di più. Risciacquo e lavo con il mio shampoo abituale e poi l’ultimo risciacquo lo eseguo ad acqua fredda aggiungendo dell’aceto di mele. L’odore si dissolve praticamente subito. I capelli risultano setosi, morbidi, lucenti e non appesantiti”

Silvia Bianco, ‘Alimentazione Veg nel rispetto della vita’

, , ,