Luca Andrè: Alimentazione Veg ’La prima cosa è di crederci veramente’

Luca Andrè: Alimentazione VegLuca Andrè: Alimentazione Veg ’La prima cosa è di crederci veramente’

Luca Andrè ci racconta come approcciare con gioia e convinzione lo stile di vita veg.

Leggi qui la prima parte dell’intervista allo chef Luca Andrè.

Cosa consiglieresti a chi si sente pronto per iniziare un percorso di avvicinamento all’alimentazione Veg?

“Sicuramente la prima cosa che gli direi è quella di crederci veramente, qualunque sia la motivazione che lo spinge ad una scelta cosi importante e rivoluzionaria. Gli direi di crederci perché se non ci credi veramente la strada è ancora più difficile, non tanto per se stesso, ma per la società che – anche se ormai la parola veg è sulla bocca di tutti – continuerà a vederlo come un folle.

Anche i parenti sicuramente faranno battutine e frecciatine, ma se la sua convinzione sarà più forte, allora sì che diventerà una persona rivoluzionaria, una persona apprezzata, un esempio per tutti quelli che ancora oggi non credono che veg sia possibile, bello e sempre più facile.

Un’altra cosa che mi sento in dovere di consigliare è di leggere, studiare, capire, sperimentare sul proprio corpo e cercare di unire alimentazione, salute e ambiente, perché sono tre cose che devono per forza coesistere in un rivoluzionario con la testa.”

Dal 2017 sei entrato in FunnyVeg Academy. Ci descriveresti di cosa ti occupi in particolare e quali sono gli aspetti che ti hanno maggiormente gratificato dal momento del tuo ingresso?

“Beh, che dire… l’Academy è il tassello che mancava. A me, ma anche alle persone che si approcciano a questo stile di vita ed ai professionisti più navigati. All’interno dell’Academy ho trovato amici, professionisti e persone disposte a mettersi in gioco per creare un qualcosa di unico, con delle ottime basi etiche, ma anche imprenditoriali. Aspetto quest’ultimo che purtroppo molto spesso manca nel mondo veg.

All’interno dell’Academy mi occupo principalmente dell’aspetto innovativo e gourmet della cucina vegetale. Sono sicuro che faremo sempre meglio e si parlerà molto dell’Academy negli anni a venire.”

Quali sono gli ingredienti che utilizzi maggiormente nei tuoi piatti?

Quali sono i criteri di selezione e scelta?

“Non credo che esistano ingredienti che uso maggiormente rispetto ad altri, ma posso dirti cosa deve avere per me un mio piatto.

Partiamo dal gioco delle consistenze: nel piatto ce ne devono essere almeno due o tre.

Passiamo poi ai contrasti tra ingredienti acidi e altri più dolci e neutri. Anche qui, ingredienti con diverse caratteristiche servono ad esaltare l’elemento stesso, ma anche l’altro, come il contrasto dolce, amaro, aspro, ecc.

Ecco, tutte queste cose sono quelle che cerco di mettere in un piatto per renderlo unico, non banale e lasciare un segno nel palato e nella testa di qualcuno.

La selezione degli ingredienti non ha una vera e propria regola per tutti i piatti, quello che ho deciso di escludere dalla mia cucina è sicuramente l’ingrediente troppo raffinato o industriale come, ad esempio, lo zucchero bianco, la farina 00 ed i semilavorati con troppi componenti o strane lettere scritte nella composizione.”

Scopri la ricetta di Luca Andrè: Cacio e Pepe Sbagliata!

 

, , , ,