Laura Fiandra, ‘Il crudismo? Un viaggio nell’amore’

Laura Fiandra, 'Il crudismo? Un viaggio nell'amore'

Laura Fiandra, ‘Il crudismo? Un viaggio nell’amore’

La redazione di www.cruditaly.it ti presenta l’intervista alla chef Laura Fiandra.

Avrai la possibilità di scoprire mille sfaccettature, consigli, aneddoti della cofondatrice, insieme a Marina Puccello, di “Naturalmente crudo”. Un viaggio, come Laura ha definito il crudismo, nel colore, nel divertimento, nella gioia, nell’energia, nelle vibrazioni e nella salute.

Siamo rimasti favorevolmente impressionati anche noi, di come abbia tracciato una propria impronta, raccontando molti aspetti che la contraddistinguono. Non possiamo far altro che lasciarti all’intervista e augurarti una buona lettura!

Come ti sei avvicinata all’alimentazione vegana crudista?

“Leggendo un libro, circa 5 anni fa, un meraviglioso libro di Valdo Vaccaro. “Alimentazione Naturale” che mi ha letteralmente rapita, conquistata, commossa nelle parti di etica. Ha nutrito la mia mente e il mio cuore. Io ero già vegana da circa 6 anni, ma capì l’importanza del cibo crudo. Cibo vivo, vibrante, che prende la luce e il magnetismo del sole. È stato proprio un colpo di fulmine, direi.

Così ho iniziato a mangiare più frutta e verdura. Durante il giorno ma, soprattutto, all’inizio dei pasti e le mie colazioni sono diventate succhi green o frutta a pezzi.

Il beneficio è stato immediato: un cambio enorme, di salute, benessere psico- fisico, ma, soprattutto, di energia. Parliamo di un cibo ricco di enzimi, che la cottura invece distrugge. Un cibo che quasi si autodigerisce da solo, a costo digestivo zero.

E ormai tutti dovremmo sapere quanto sforzo chiediamo al nostro corpo con la digestione. Ecco col crudismo “l’abbiocco” e la pesantezza post prandiale non li conosci proprio. Nel frattempo lessi che iniziavano dei corsi di crudismo a Roma e andai, completamente ignara di cosa fossero. Mi ritrovai con pochi attrezzi e pochi alimenti a creare dei piatti fantastici, giocando, divertendoti.

A me il crudismo piace definirlo come un viaggio, un viaggio nell’amore, nel colore, nel divertimento, nella gioia, nell’energia, nelle vibrazioni e nella salute. Ecco, ho provato tutte queste emozioni quando ho iniziato, ed ero già vegana, quindi già avevo fatto un bellissimo cambiamento, certamente più etico. Dal quel momento ho cominciato a provare vibrazioni ed energia nuova, salute immediata. Ed è ancora così.

Poi la sinergia tra la scelta etica, dell’amore verso ogni creatura e l’amore per te e la tua salute è veramente esaltante. Tutto questo ha dato un significato nuovo alla mia vita, un’energia nuova che non conoscevo proprio”.

Laura Fiandra, ‘Il crudismo? Un viaggio nell’amore’

, ,