Laura Fiandra,’I miei consigli? Chiudi la mente ed apri il cuore’

Laura Fiandra,'I miei consigli? Chiudi la mente ed apri il cuore'

Laura Fiandra,’I miei consigli? Chiudi la mente ed apri il cuore’

La redazione di www.cruditaly.it ti presenta la seconda parte dell’intervista alla chef Laura Fiandra.

Avrai la possibilità di scoprire mille sfaccettature, consigli, aneddoti della cofondatrice, insieme a Marina Puccello, di “Naturalmente crudo”. Un viaggio, come Laura ha definito il crudismo, nel colore, nel divertimento, nella gioia, nell’energia, nelle vibrazioni e nella salute. Siamo rimasti favorevolmente impressionati anche noi, di come abbia tracciato una propria impronta, raccontando molti aspetti che la contraddistinguono. Non possiamo far altro che lasciarti all’intervista e augurarti una buona lettura!

Quali sono i principali alimenti che prediligi nella tua alimentazione?

“Amo molto la frutta, tutta, di stagione naturalmente, matura al punto giusto. Inoltre anche i succhi green, succhi estratti da frutta acquosa (mele, pere, ananas, uva, kiwi, melograno) e verdura a foglia verde, ricca di clorofilla, l’energia del sole nelle nostre cellule (spinaci, bieta, lattuga romana, songino). Succhi che ci alcalinizzano, disintossicano, nutrono, danno energia, senza fibre, quindi leggeri, ma potenti.

Fantastici sempre, ottimi se si è malati per nutrirci senza appesantirci, per rispettare il processo di pulizia che è in atto.

Ricordiamoci che la malattia è lo sforzo del corpo per liberarsi da tossine. Butta fuori i sintomi: febbre, mal di testa, raffreddore, diarrea, ecc. per raggiungere la guarigione. La malattia o ben-attia, come diciamo noi, è quindi già un inizio di guarigione. Ascoltiamola. E poi amo le insalate: colorate, varie, ricche di semi, noci, olive e gli spaghetti di zucchine o di altre verdure, divertenti e sorprendenti. Potrei continuare ancora con i formaggi crudisti, con i dolci, meravigliosi dolci, i nostri cioccolatini insomma mi piace tutto.”

Cosa consiglieresti a chi si avvicina o vuol iniziare un percorso similare?

“La prima cosa da fare è chiudere la mente, aprire il cuore e vivere l’esperienza, senza porsi domande o pensare ai cibi del passato o ai soliti luoghi comuni, sulle proteine, sul ferro, calcio, carenze varie, ecc. Vibra con la natura, assaggia, sperimenta, divertiti. Inizia con le colazioni di sola frutta o succhi, come dicevo prima e nient’altro, fino all’ora di pranzo. Metti a tacere la mente, l’abitudine del caffè e del cornetto o altro.

Solo frutta. E inizia il pranzo e la cena con una bella grande insalata. Questo è già un ottimo inizio da crudista, che ti farà sentire diverso. Ovviamente dopo l’insalata puoi mangiare un po’ di cotto, che sia vegano e integrale, qualche cereale o qualche legume.”

Quali sono gli ingredienti che utilizzi con maggior frequenza nel preparare ricette vegane-crudiste?

“Come dicevo prima, frutta e verdura, in assoluto. Ma poi per i crackers crudisti uso semi di lino e di girasole e per i formaggi anacardi, mandorle, macadamia. Per i dolci servono datteri, mandorle, olio di cocco e ovviamente cioccolato crudo e burro di cacao per i cioccolatini. Il mio consiglio è di iniziare a scegliere tre o quattro ricette, tra dolci e salate e fare la spesa per queste, iniziare a prendere confidenza con questi alimenti.

Così iniziamo a creare la nostra dispensa, che pian piano si arricchirà di altri ingredienti, quando sceglieremo altre ricette.

Piano piano, senza stressarci.

In poco tempo avremo capito come si fa una zuppa, cosa serve per fare delle salse, cosa utilizzare per fare i tartufi o una cheesecake.

Insomma stiamo iniziando un cammino fantastico, non facciamoci governare dalla mente, che ci fa stressare sicuramente. Godiamoci tutto, non c’è nessuna gara, nessuna competizione, solo la voglia di sentirci bene e felici.”

Laura Fiandra,’I miei consigli? Chiudi la mente ed apri il cuore’

, ,