Crudismo, il mese di maggio una primavera di sapori

Crudismo, il mese di maggio una primavera di sapori

Crudismo, il mese di maggio una primavera di sapori 

Siamo nel pieno della primavera, una stagione che risveglia i sensi.

Le temperature ed il clima ideale fanno germogliare i fiori ed i frutti della terra.

Le verdure fiorenti nel mese di maggio sono imperdibili per un’alimentazione sana e ricca di nutrienti.

Ce ne sono di tutti i tipi e gusti, cosa aspetti, corri ad acquistarle!

Puoi leggere la prima parte dell’articolo al seguente LINK.

  1. Rucola

E’ una pianta erbacea annuale della famiglia delle Brassicaceae.

Dal sapore amarognolo detiene spiccate proprietà digestive e terapeutiche.

Ricca di sali minerali, magnesio, calcio, potassio, farina, fibre, vitamine A, B6 e B9, C e K.

Aiuta nella prevenzione di ulcere, gastrite e problemi al fegato. 

Crudismo, il mese di maggio una primavera di sapori 

  1. Fave

Ideali per le diete ipocaloriche, contengono tantissima acqua, fibre e proteine, mentre è piuttosto bassa la presenza di grassi.

Oltre alle vitamina A, B, C, E, è piuttosto consistente la presenza di ferro, potassio, calcio, sodio, magnesio, selenio e rame.

C’è una controindicazione piuttosto importante da ricordare. Il favismo è una sindrome emolitica acuta dovuta a ingestione o ad aspirazione del polline dei fiori della pianta. In questi casi è assolutamente vietato assumere fave, in virtù del difetto congenito di un enzima nei globuli rossi denominato glucosio-6-fosfato-deidrogenasi.

  1. Piselli

Considerata come pianta erbacea, appartenente alla famiglia Fabaceae, dalla quale si ottiene e consuma il frutto.

I piselli sono composti per circa l’80% di acqua. Troviamo inoltre in considerevoli quantità proteine vegetali, carboidrati, fibre, vitamine, potassio, fosforo, zinco, magnesio, ferro e calcio.

  1. Barbabietola

Ne esistono di diverse qualità come da orto, da foraggio, da zucchero.

La barbabietola da orto rossa può vantare al suo interno sodio, calcio, potassio, ferro, magnesio e fosforo.

Sia il tubero che le foglie sono ricchi di antiossidanti e flavonoidi.

Sia il succo che la radice sono particolarmente indicati in caso di anemie.

  1. Cavolfiore

E’ una varietà di brassica oleracea. E’ una verdura tipicamente invernale che mantiene la propria fioritura fino alla tarda primavera.

E’ un alimento prezioso per i principi nutritivi ed i tanti benefici per il corpo umano.

I particolari antiossidanti sono efficacissimi nella prevenzione dei tumori alla prostata.

Inoltre è indicato nella cura del diabete.

  1. Lattuga          

Dalla famiglia angiosperma che spesso viene associata all’insalata

Tuttavia è soltanto l’ingrediente principale della pietanza.

L’alto contenuto di fibre garantisce effetti positivi all’apparato digerente.

Altri effetti positivi agiscono in soccorso del sistema circolatorio e della forma fisica.

  1. Ravanello

A breve ciclo vegetativo, è il simbolo della primavera.

Possono essere consumati sia la foglia che la radice.

Contrasta ritenzione idrica e cellulite, abbassa la pressione arteriosa, favorisce la perdita di peso, contrasta l’azione dei radicali liberi.

Crudismo, il mese di maggio una primavera di sapori 

, ,